Home » Info » Ristoranti Toscana » Ristorante l'Arsella a Marina di Pisa
GustoToscano.com
Cerca

Ristoranti in Toscana

Ristorante l'Arsella a Marina di Pisa

(11 luglio 2008)
Printer Friendly Page  Versione stampabile
Send this Story to a Friend  Invia ad un amico
Ristorante l''Arsella a Marina di Pisa
L'Arsella di Marina di Pisa è un ristorante apparentemente come tanti, uno di quei posti molto turistici sulla costa tirrenica.

Posizionato sul lungomare di Marina di Pisa, in un edificio in legno direttamente sul mare, il ristorante l'Arsella offre una cucina di pesce che ha alcuni spunti molto interessanti.

Abbiamo scoperto questo locale quasi per caso, perchè è uno di quelli aperti tutto l'anno, anche in inverno. E proprio nella stagione fredda può diventare una piacevole occasione per una girata del fine settimana, gustandosi un po' di pesce nella terrazza a vetri sul mare  e poi digerendo con una altrettanto piacevole passeggiata sulla spiaggia della vicina Tirrenia.

Nonostante possa ospitare fino a settanta coperti nelle due sale interne, il fine settimana conviene prenotare sempre, anche d'inverno. Anzi, proprio nei mesi più freddi è meta al sabato ed alla domenica di un discreto numero di famiglie del posto, segno sicuro che non è uno di quei locali che lavorano solo coi turisti.

L'arredamento è spartano, anche troppo, con tende parasole in canniccio e accessori marinari a decorare le pareti. L'insieme però è piacevole, con il pavimento in legno e soprattutto la vista sulle tre pareti finestrate che da direttamente sul mare.

Menu scarno (ed è un bene!), con pochi piatti proposti di stagione in stagione, e qualche aggiunta dell'ultimo momento segnata su una lavagna.

La nostra preferenza va a due antipasti, l'antipastissimo e l'insalata capricciosa. Nonostante i nomi che fanno molto anni ottanta, e che non invogliano certo a sceglierli, si tratta di due piatti collaudati, riproposti sempre con successo.

L'antipastissimo è in pratica un compendio di quanto offra il mercato fra crostacei e frutti di mare, servito in una diecina di assaggini diversi, ciascuno servito su un piatto a sè stante. Alcune cose variano con la stagione e l'estro della cuoca, altre sono fisse. Nulla di trascendentale, per carità, ma vi possiamo garantire che si tratta di ottimi piatti, ben realizzati e molto saporiti, e serviti con generosità.

Ottimi gli anelli di totano con una salsina di olio, basilico e (apparentemente) panna fresca, imperdibili le lumachine di mare servite sul fornellino che le tiene calde con il loro sugo, eccellenti le alici marinate con cipolle, un piatto che sembra semplice ma che è difficile trovare realizzato con tanto equilibrio.

Molto gustose anche le seppie in bianco con le olive, sempre morbido e saporito il classico polpo lesso condito, e piacevole e fresco il farro con pomodorini, cipolla e gamberi.

Il sugo delle lumachine e delle seppie sarà poi occasione per gustare l'ottimo pane rustico servito insieme ad un po' di focaccina. Lasciate la focaccina ai bambini ed accaparratevi il pane: difficile pensare al pane quando si mangia il pesce al ristorante, ma questo è davvero molto buono.

La capricciosa invece è un piattone unico dalla mole impressionante, che comprende un bel po' di gusci (vongole, cozze, fasolari e le piccole ma saporitissime arselle), gamberi (che potrebbero tranquillamente rimanere nel congelatore), calamari, cannolicchi ed uno scampo a guarnire. Il tutto condito da un abbondante sughetto fatto con l'acqua dei molluschi ed aglio, saporitissimo e invitante: non solo divorerete la fetta di pane nascosta sotto a tutti quei gusci, ma chiederete un'altro cestino di pane per fare scarpetta.

Mediocri invece i primi piatti, che danno l'impressione di non essere legati bene. Saltateli pure, e se dopo l'antipasto avete ancora fame passata al fritto di paranza.

Il fritto di paranza utilizza tutti quei pesciolini troppo poveri o piccoli per finire sui banchi del mercato. Proprio per questo è fatto con pesce freschissimo, perchè è pescato dalle barche della zona. La paranza non è disponibile tutto l'anno, e soprattutto varia per qualità e tipologia dei pesci, che comprendono un po' di tutto, dalle soglioline a pesci di qualità inferiore.

Ma fritti magistralmente tutti assieme diventano un piatto prelibato, ed anche chi non è amante del pesce con le lische perderà volentieri un po' di tempo (con i pesci più grandi, i piccoli si mangiano interi, con testa e tutto) a pulirli.

Dolci commerciali, un discreto prosecco nella lista dei vini (offerto a prezzo giusto) completano il quadro.

Servizio cordiale, coordinato da quella che sembra la titolare, una bella donna dall'aria un po' austera. Conto sui 35 a testa, con antipastissimo o capricciosa e la paranza, una bottiglia di prosecco (lasciate stare il vino della casa...) ed il caffè.

Ristorante l'Arsella
Via Padre Agostino
56013 - Marina di Pisa
Tel. 050 36615



Altri articoli
 Tempo di asparagi alla Locanda del Duomo (FE)
 Osteria Palle d'Oro a Firenze
 Ristorante Il Posto a Pietrasanta
 Trattoria da Burde
 Osteria Il Maialetto
 Il miglior ristorante italiano è il Gambero Rosso di San Vincenzo
Ricette tipiche toscane
Zuppa toscana di magro alla contadina Primi piatti
Zuppa toscana di magro alla contadina
La zuppa toscana di magro alla contadina è una ricetta antica, oramai quasi dimenticata anche nelle nostre trattorie. Contrariamente a quanto farebbe pensare il nome, si tratta di un piatto ricco e saporito, e se ...

Ricette con il cioccolato
Torta di crema di nocciole e cacaoDolci e biscotti
Torta di crema di nocciole e cacao
L'ispirazione per questo dolce ci è arrivada da una splendida e golosissima torta che tanto successo ha portato alla gelateria Il Sorriso di Firenze. Dopo averlo più volte gustato alla fine di un pranzo o ...