Home » Info » Conserve » La cina nel barattolo: perchè usare pomodori cinesi?
GustoToscano.com Conserve e confetture
Cerca

Conserve e confetture

La cina nel barattolo: perchè usare pomodori cinesi?

(13 marzo 2007)
Printer Friendly Page  Versione stampabile
Send this Story to a Friend  Invia ad un amico
La cina nel barattolo: perchè usare pomodori cinesi?
Una maggiore chiarezza in etichetta sulla provenienza delle materie prime, per evitare di comprare pomodori cinesi senza saperlo.

Strano paese l'Italia: i nostri contadini producono probabilmente i migliori pomodori del mondo, varietà selezionate nei secoli che hanno abbellito gli orti ed allietato il palato di signori e poveracci. Il pomodoro è un'icona della cultura mediterranea, nonostante la sua antica origine dal Nuovo Continente, e non esiste orto in Toscana che non ne mostri un paio di file accuratamente concimate e ramate.

Nonostante questo, e nonostante la grande quantità e varietà di pomodori prodotti in Italia, sugli scaffali dei negozi e dei supermercati si trovano purtroppo moltissimi prodotti a base di pomodori provenienti dalla Cina. Un lungo viaggi e soprattutto metodi di produzione assolutamente non verificabili, con utilizzo spesso massiccio di pesticidi ed anticrittogamici severamente controllati o addirittura vietati in Europa.

Purtroppo fino a poco tempo fa non era obbligatorio per legge indicare chiaramente sulle confezioni di passata la provenienza dei pomodori, così che un'azienda italiana poteva tranquillamente etichettare con il tricolore quello che in realtà veniva coltivato in Cina. Secondo uno studio sulle truffe realizzato dalla Confesercenti, dopo l'obbligo dell'etichettatura sulle confezioni di passata di pomodoro sono addirittura dimezzate le importazioni di concentrato dalla Cina, segno evidente che ai consumatori essere tratti in inganno dai produttori proprio non piaceva.

Purtroppo il problema rimane invece con l'olio di oliva, visto che la legge non prevede assolutamente di indicare in etichetta la provenienza delle olive, così come per i formaggi e latticini fatti utilizzando gli oltre due milioni di tonnellate di latte e crema di latte importati dall'estero.

Al di là delle posizioni più estreme, siamo dell'idea che sia più che lecito importare pomodori cinesi (spesso di qualità al limite dell'accettabile) o latte sloveno, ma che sia assolutamente indispensabile informare il consumatore di quello che sta acquistando, lasciandogli la libertà di scegliere fra un olio extravergine di olive toscane ed uno di olive libanesi.



Altri articoli
Ricette tipiche toscane
Zuppa inglese Dolci e biscotti
Zuppa inglese
Non fatevi trarre in inganno dal nome: l'origine della zuppa inglese è italianissima, e risale alla corte de' Medici nel Rinascimento. Allora sembra che questa golosissima zuppa fosse particolarmente gradita dagli...

Ricette con il cioccolato
La ganacheCreme base
La ganache
La ganache è una delle preparazioni di base nel mondo della cioccolata e della pasticceria. La storia della ganache è curiosa, a partire dal nome: letteralmente infatti, 'ganache' in francese significa 'stu...