Home » Info » Altro » La cusina a Milan di Massimo Moroni, il 5 ottobre al Don Lisander
GustoToscano.com
Cerca

Altre notizie

La cusina a Milan di Massimo Moroni, il 5 ottobre al Don Lisander

(06 settembre 2008)
Printer Friendly Page  Versione stampabile
Send this Story to a Friend  Invia ad un amico

Riscoprire i sapori della tradizione è l'obiettivo prioritario dell'Associazione A.S.T.R.ID Il Gusto per la Tradizione.

Per esaltare questo concetto di valorizzazione enogastronomica di qualità, legata al territorio, ripropone per gli appassionati della buona cucina milanese, un classico appuntamento nel cuore di Milano, presso il Ristorante Don Lisander nella centralissima Via Manzoni, a due passi dal Teatro La Scala.

Dopo il successo del'anno scorso, dove sulla tavola ha trionfato un menù legato al tema "il fungo e la castagna", lo chef Massimo Moroni ha voluto per questo nuovo incontro con la buona cucina di qualità, puntare sulla cucina tipica milanese e lombarda.

Del resto, la preparazione professionale di questo cuoco lombardo, attualmente in forza al Ristorante Don Lisander di Milano, è sicuramente un valido" invito" per partecipare alla serata, promossa dall'Associazione A.S.T.R.ID per domenica 5 ottobre 2008 con inizio alle ore 20. Dopo il riconoscimento di «miglior cuoco della Lombardia», anche una meritatissima medaglia d'oro agli Internazionali di Alta Cucina Calda 2008 di Marina di Carrara.

Riconoscimenti importanti, che aggiunti ai precedenti nazionali e internazionali, mettono ancor di più, in risalto le doti umane e professionali di questo cuoco emergente, che aspetta dalla «grande» critica enogastronomica, il giusto merito, molto spesso non riconosciuto.

Massimo Moroni è anche vice-presidente nonchè socio-fondatore insieme a Claudio Pregl dell'Associazione non profit A.S.T.R.ID, le cui finalità sono la Salvaguardia e la tutela delle Ricette Tipiche e dell'Identità enogastronomica d'Italia.

Il menù si sposa ottimamente con la  degustazione di vini, rigorosamente italiani, e offre sicuramente spunti interessanti per l'intenditore più esigente e attento. Abbinamenti non casuali (Prosecco Nino Franco-Aneri, Grignolino Moncucchetto-Biletta, Croatina 14 Ottobre-Olmo Antico, Moscato Dolce - Gianni Voerzio), che sono stati fatti da Luigi Lucchini, uno dei proprietari del Ristorante Don Lisander, attento ed esperto sommelier:

    * APERITIVI
    * Lumache con aglio e noci
    * Nervetti con fagioli Borlotti
    * Misoltini con purea di fave e polenta
    * Aquadelle con pomodoro agro
    * Monoboccone di formaggio di capra
    * ANTIPASTI
    * Mondeghili con crema al taleggio
    * Escabece di faraona in carpione
    * PRIMI PIATTI
    * Riso Milanese
    * Ravioli di zucca burro e maggiorana
    * SECONDI PIATTI
    * Rustin Nega arrotolato farcito con fonduta e la polenta
    * DOLCI
    * Torta meneghina calda con salsa vaniglia
    * Delizie con caffè
    * Gelato preparato in sala dal maestro gelatiere Corrado Sanelli di Salsomaggiore (Parma)

Il Ristorante Don Lisander, è senza dubbio uno dei locali più storici e suggestivi di Milano. Prende il nome dallo scrittore Manzoni, che i milanesi chiamavano Don Lisander. E' aperto dal 1947. Nel 2007 ha festeggiato i 60 anni di attività. La sua sala, oggi sapientemente ed elegantemente ristrutturata dagli attuali proprietari Lucchini e Toffalori, venne allestita nell'ex cappella di Casa Trivulzio, il cui magnifico giardino è aperto nella stagione estiva. I menù sono improntanti sulla tradizione della cucina lombarda: risotto alla milanese, salumi della Val Tidone, zuppa di lenticchie della piana di Castelluccio di Norcia, pesce fresco, cassoeula.

La quota individuale di partecipazione alla cena con degustazione dei vini è di Euro 55.

Parte della quota sarà devoluta alla Fondazione IRET, nel quadro del progetto "La riconoscenza del gusto, per il sapere della ricerca", voluto dai cuochi associati all'Associazione A.S.T.R.ID Il Gusto per la Tradizione. L'iniziativa vuole esprimere un concetto chiaro e semplice: tra un assaggio di un piatto tipico e una degustazione di un buon bicchiere di vino, si può devolvere una somma più o meno piccola, alla Fondazione IRET di Zola Predosa (Bologna), che ha come obiettivo la ricerca di base al servizio delle malattie degenerative del sistema nervoso.

Per informazioni e prenotazioni on-line ci si può collegare con il sito www.asso-astrid.com entro il 30 settembre 2008 (da tale data l'accettazione delle prenotazioni sarà con riserva fino a copertura dei posti rimasti ancora disponibili.

Le prenotazioni sono accettate anche a mezzo fax al numero  0464-350259  o telefonicamente al numero  02-76020130  (Rist. Don Lisander).



Altri articoli
 Ottobre, tempo di castagne in Toscana
 deGustiBooks, dal 23 al 26 ottobre a Firenze
 Girogustando, gemellaggi gastronomici in terra di Siena
 Lo zafferano di Firenze
 La vendita diretta alla XII Edizione della Festa dell'Agricoltura
 Prato, paesaggi e atmosfere: un racconto per immagini fra paesaggi, cultura e golosità
Ricette tipiche toscane
Acqua cotta Primi piatti
Acqua cotta
L'acqua cotta è un piatto tradizionale toscano nato in Maremma dall'arte culinaria delle massaie e dei contadini che dovevano fare di necessità virtù e sfamarsi con quel poco che la terra gli offriva...

Ricette con il cioccolato
Glassa al cioccolato (1)Creme base
Glassa al cioccolato (1)
Questa è una delle tante versioni della ricetta della glassa al cioccolato, una ricetta di base che assume molte sfumature diverse a seconda dei gusti e dell'uso che se ne deve fare. In questo caso la ricetta ser...